Il Natale senza guerra

08 Set
0 comment

C’era una volta un bambino che voleva mettere fine ad ogni tipo di guerra! Ma non poteva fare tutto da solo, allora apparve un folletto che gli disse che se quella notte fosse scito da solo di cassa e avrebbe superato tre prove avrebbe conquistato il potere di far finire la guerra.

Detto questo il folletto scomparve.

Nella notte, quando i genitori dormivano, il bambino uscì con uno zaino di provviste, convinto di poter far finire le guerre nel mondo.

Incontrò un uomo con gli occhi rossi, molto malvagio, che voleva combattere.

Il bambino non sapeva cosa fare, ma poi ripensò alle parole del folletto e così lottò con tutta la forza che aveva in corpo e con calci e pugni lo sconfisse.

Proseguì nel cammino e incontrò un carro armato.

L’uomo che lo guidava disse: -Forza combatti! Il bambino rispose: No, non voglio!-Lui non voleva fare del male

Allora l’uomo del carroarmato rispose:

-Egoista! Se non combatti non puoi far finire la guerra! Ma il bambino rimasse fermo immobile davanti al carroarmato dimostrando tutto il suo coraggio.

Poi il bambino iniziò a distruggere il carro armato con un bastone che teneva dentro lo zaino e che tra le sue mani divenne fortissimo, cosi quando colpiva il carro armato questo cadeva a pezzi. Aveva superato anche la seconda prova.

Nella terza prova doveva sconfiggere un capo dell’impero.

Quel capo era molto malvagio aveva una spada enorme. La sua forza era immensa.

Il bambino provò in tanti modi a portagli via la spada, ma era troppo forte per lui

Il capo lanciò una magia contro il bambino e lo fece addormentare.

Ma nel sonno lui sognò i bambini poveri maltrattati da quel potere e trovò tante forze per combattere.

Cosi si risveglio! Subito attaccò il capo dell’ impero e con il suo bastone lo colpì cin testa  e lo stordì.

Siccome aveva superato le tre prove, riapparve il folletto che soddisfatto gli disse:

-grazie a te che hai superato le tre prove io posso decretare la fine della guerra del mondo-.

classe 4^ Plesso Collodi, Corva, a.s. 2006\07

Leave your thought